Lavorare Ŕ pregare - Chagall e la Bibbia

In mostra a Genova fino al 25 luglio, presso il Museo Ebraico (informazioni: www.chagall-genova2004.it; comgenova@tin.it), "Chagall e la Bibbia".


"LÓ dove si affacciano le case stanche, lÓ dove sale la via del cimitero, lÓ dove scorre libero il fiume, lÓ ho sognato la mia vita". Cosý scriveva Marc Chagall (1887-1985) nel suo libro di memorie, "La mia vita" e, intanto, attraverso contrasti cromatici e caleidoscopiche forme, il pittore ebreo bielorusso raccontava la dimensione onirica dell'esistenza umana. "Forse esiste un'altra vita, un occhio di altro genere, e un posto altrove, non dove siamo abituati a trovarlo... (...) Tutto il nostro mondo interiore Ŕ realtÓ, forse anche pi¨ reale del mondo apparente; chiamare fantasia ci˛ che appare illogico significa non capire la natura".

E proprio in questa interioritÓ Chagall coglieva nitido il messaggio divino: "╚ buio. All'improvviso si spalanca il soffitto; un tuono, un lampo di luce ed ecco irrompere nella stanza, un'impetuosa creatura alata, avvolta in volute di nuvole. Un forte fremito di ali. 'Un angelo!', penso io. Ma non riesco ad aprire gli occhi: dall'alto sgorga una luce troppo forte. L'ospite alato vola per tutti gli angoli della stanza, si solleva nuovamente e vola via attraverso la fenditura del soffitto, portando con sÚ il fulmine e l'azzurro. E di nuovo torna il buio. Mi sveglio". Questo racconto, tradotto in pittura nell'opera che appunto ha per titolo "Visione" (1917-18), ci immerge nel misticismo del pittore ebreo che, come scrisse, fin dalla sua prima giovent¨ speriment˛ una forte attrazione nei confronti delle Sacre Scritture. "Mi Ŕ sempre sembrato e mi sembra tuttora - affermava Chagall riferendosi alla Bibbia - che questa sia la principale fonte di poesia di tutti i tempi. Da allora, ho sempre cercato questo riflesso nella vita e nell'arte".

Il testo sacro divenne per lui punto di partenza e fonte di ispirazione per una serie di opere, dedicate appunto al Messaggio della Bibbia, che consentono di ripercorrere il suo cammino di artista e di uomo. Quadri che, nel pensiero di Chagall, "non rappresentano il sogno di un solo popolo, ma quello dell'umanitÓ". Dipinti affinchÚ "gli uomini cerchino di trovarvi una certa pace, una certa spiritualitÓ, una religiositÓ, un senso della vita".

"Lavorare Ŕ pregare" affermava Chagall. E dalla preghiera emergevano meravigliose immagini di un sogno tutto spirituale: "Mi sveglio disperato/ per il nuovo giorno, per i desideri/ ancora non disegnati,/ non ancora coperti di colori./ E corro lass¨,/ ai miei pennelli secchi./ E come il Cristo vengo crocifisso...".

___________________
[Fonte: SIR Supplemento n.45 del 15 giugno 2004]


| home | | inizio pagina |