I Documenti del dialogo (ebraici ed ebraico-cristiani)


Torna alla pagina iniziale
Dabru emet
(Direte la veritÓ)
:: Testo ebraico in pdf
:: Un commento
:: Risposta ecumenica
La Commissione per i Rapporti con l'Ebraismo (Santa Sede)
Castel Gandolfo, 24.05.2005
Dialogo: tre sfide per crescere
Santo Sinodo della Chiesa Serba sull'antisemitismo
Comunicato 24 marzo 2005
12a Assemblea Plenaria del Congresso Ebraico Mondiale
Risoluzione sulle relazioni interreligiose - gennaio 2005
Trentanni della Commissione per i Rapporti Religiosi con l'Ebraismo. Percorsi fatti e questioni aperte, oggi.
. Rav Riccardo Di Segni
. Card. Walter Kasper
. Intervista Norbert Hofmann
Roma, 19 ottobre 2004
Vaticano e Gran Rabbinato d'Israele: Gerusalemme sia sacra per tutti 19.10.2004
Comunicato congiunto
Buenos Aires 8.07.04
Giustizia e CaritÓ
Comunicato congiunto Gerusalemme 3.12.03
Insegnamento Scrittura
10-11.3.2003, Parigi
2░ Incontro Europeo - Collegamento  Cattolico Ebraico
. Notizie preliminari
. Dr. Richard Prasquier
13-27.2.2003, (Roma) Grottaferrata - dialogo sui temi della vita oggi
11.2002, Gerusalemme
Dichiarazione sugli Studi Giudaici
11.2002, U.S.A.
Ebrei e Cristiani: quale salvezza?
28.10.02 - 37░ Anniv.
Nostra Aetate 
Discorso Card. Kasper
1░ Incontro Europeo Collegamento  Cattolico Ebraico
. Lettera del Papa 
. Dichiarazione comune
. Comunicato Chiesa di Francia 31.1.2002
Dichiarazione dei Rabbini americani
Lettera del Rav. Joseph Levi   2002
Comitato Internazionale di Collegamento JC
. 17a Riunione - 2001
. Comunicato Kasper
. Dichiarazione: LibertÓ religiosa e Luoghi Santi
. Dichiarazione: Corsi nei seminari J e C
Discorso di Giovanni Paolo II in Ucraina 2001
Per sviluppare il dialogo
Spunti di rinnovo
AbÚcassis, 12/2001
Condizioni
AbÚcassis, 3/2000

Intervento del Rav Giuseppe Laras   2000

Non pi¨ accettare...
Giovanni Paolo II 1997
Documento di Praga 1990
Il Papa al Tempio Maggiore di Roma
1986 e 10 anni dopo...
Intervista al Rav Toaff
1996
Un dialogo emblematico
Intervista a Rav Sheer
1999
Paolo VI al Comitato Internazionale di Collegamento      1975






 



Eminenza,

a seguito dei colloqui telefonici con Mons. Verdon Le porgo i miei pi¨ cordiali saluti in occasione della giornata di preghiera per la pace in M.O., esprimendo a Lei e ai tanti cristiani di buona volontÓ le seguenti parole ed emozioni del mio popolo, il popolo d'Israele.

Vorrei unirmi a voi nella preghiera per la pace in Medio Oriente, a coronamento degli sforzi tesi ad intrecciare nuove vie del dialogo ebraico-cristiano, ed a riflettere sui valori religiosi ed umani che accomunano le religioni monoteistiche.

Noi, ebrei, cristiani e mussulmani, che vediamo in Abramo il nostro progenitore comune, abbiamo ereditato dalla Bibbia e dalla tarda antichitÓ il senso ed il valore della vita umana, il senso ed il valore dell'Uomo, essere unico nell'Universo, creato ad immagine di D-o. In nome di questa comune tradizione dobbiamo unirci in una preghiera, sincera e profonda, che ci induca a chiedere aiuto a D-o per ricordare a chi ci ascolta, che la vita di ogni donna, di ogni uomo, di ogni bambino, ebreo o arabo, israeliano o palestinese, Ŕ sacra.

Noi, ebrei, cristiani e mussulmani, che crediamo in unico D-o sacro, che ama la Sua creazione e le Sue creature, possiamo, attraverso una comune preghiera profonda e sincera, evocare nelle parti la volontÓ di piangere l'uno i morti dell'altro.

Solo attraverso la comprensione del dolore e della sofferenza dell'uno e dell'altro potremo avvicinare le parti, inducendole a vedere l'una nell'altra la dimensione divina della vita. Attraverso la preghiera potremo indurre le donne, gli uomini e le classi dirigenti delle societÓ palestinese ed israeliana a sentire, nel profondo del loro animo, la disperazione, il dolore, il pianto di tutte le madri che vedono morire i propri figli, il dolore dei figli e delle mogli a veder morire i propri padri e mariti, la profonda disperazione di coloro che vedono le vite umane spazzate via dall'ideologia della morte e del terrore.

Un antico Midrash, commento rabbinico ebraico, paragona i fedeli e gli studiosi della TorÓ, della legge divina, ai costruttori della pace. Lo studio e l'approfondimento costruiscono la pace.

Solo con una convinta preghiera, che induca ad un cambiamento dell'animo, toccandone i nodi pi¨ remoti e pi¨ intimi, quelli appunto collegati attraverso i fili sottili alla divinitÓ, essi riusciranno a diventare costruttori di pace.

Dobbiamo chiederci ora, come si costruisce la pace? Come possiamo noi, uomini di fede, ebrei, mussulmani e cristiani costruire la pace? Solo attraverso la preghiera, attraverso la sensibilitÓ al dolore e alla sofferenza dell'altro, gli uomini, le donne, i giovani, le classi dirigenti del Medio Oriente arriveranno ad accettarsi l'un l'altro.

La pace si conquista concentrandosi su ci˛ che Ŕ buono, che Ŕ bello, che Ŕ divino nell'altro. Invitando l'altro a comprendere, a sua volta, ci˛ che Ŕ buono, bello e divino in noi.

Il viso divino dell'altro, dice Levinas, mi comanda di obbedire al divieto di non uccidere.

I visi mascherati si rifiutano di vedere il viso umano e divino dell'altro.

E' la preghiera che ci aiuta a combattere la tendenza umana alla sfiducia, la tendenza della mente umana a dare la colpa all'altro.

Pi¨ di trenta anni fa, pregai per la pace sulla tomba di Abramo, con l'allora sindaco di Firenze, Giorgio La Pira, e l'allora sindaco mussulmano di Hebron, Muhamad Ga'abari.

Pregammo insieme, cristiani, ebrei e mussulmani anche se allora sembrava impensabile una qualsiasi speranza di pace.

In questi trenta anni e solo fino a diciotto mesi fa, la maggior parte degli israeliani e dei palestinesi aveva espresso la propria volontÓ di pace, aveva votato per la pace. La pace era vicina pi¨ che mai.

Ci sembrava di sognare, come dice il salmista. Ci sembrava che tutte le nostre comuni preghiere fossero state accolte. Da pi¨ di diciotto mesi per i misteriosi complessi del carattere umano, questa forte volontÓ di pace sembra essersi in gran parte dissolta.

L'immagine divina dell'altro sembra di nuovo nascondersi.

L'uomo si nasconde.

Desidero, quindi unirmi a voi nella preghiera. Dobbiamo rinnovare questo richiamo all'umanizzazione dell'altro, per poter esprimere a voce alta questo invito alla preghiera ed alla responsabilitÓ dei leaders spirituali del mondo cristiano, ebraico e mussulmano, per richiamare tutti i popoli della regione a fare un passo indietro, ad allontanarsi dalla fascinazione della morte. 

Uniamo le nostre mani per costruire insieme, su questa terra affidata all'Uomo, un paradiso terrestre affascinato dalla vita, affascinato dalle immense potenzialitÓ contenute in ogni vita umana, per far rinascere, in ognuno di noi, l'immensa spiritualitÓ, l'immensa bellezza, l'immensa divinitÓ, che Iddio mise nelle nostre anime umane.

Trenta anni fa ad Hebron eravamo meno di dieci a pregare nella grotta di Abramo, culla delle religioni monoteiste. Oggi, credo, spero che saremo molto pi¨ numerosi, dal mondo ebraico, dal mondo mussulmano e dal mondo cristiano, a pregare uniti con intensitÓ ed insistenza per ravvicinare la pace.

Che il D-o misericordioso, creatore dell'uomo, sia con voi

Rav Joseph Levi
Rabbino Capo della ComunitÓ Ebraica di Firenze

Firenze 7 aprile 2002

| home | | inizio pagina |