Gerusalemme
 

Natale sicuro in Terra Santa

Insieme israeliani e palestinesi, attraverso i loro ministri per il Turismo, nell'approssimarsi di questo Natale chiamano pellegrini e turisti di tutto il mondo a venire in Terra Santa garantendo loro «sicurezza e tranquillità». 

Un appello caldo e responsabile che testimonia la consapevolezza del bene prezioso di cui i due popoli si sentono custodi e che potrebbe anticipare, nel ripristinato clima di attese della comunità internazionale, un dialogo politico a più alto livello.....continua

>Natale, pace in Terra Santa, pace nel mondo

 


  [Fonti: Avvenire; AsiaNews dicembre 2004] 



 Milano
 

Benè Berith Milano

Conferenza:

Carlo Panella
Antisemitismo Arabo
Tra conflitto politico e conflitto religioso

Milano, lunedì 13 dicembre 2005 – ore 21.00 – via Eupili 8

APERTO A TUTTI

>vedi manifesto

 


  [Fonte: morasha.it dicembre 2004] 



 Bologna
 
12 dicembre: Museo Ebraico - Hanukah Sameach!


Il Museo Ebraico di Bologna invita a conoscere una delle feste più importanti del calendario ebraico, Chanukkà, proponendo animazioni e laboratori per le famiglie e i bambini, visite guidate, momenti musicali. La festa inizia il 25 di Kislév (nono mese lunare del calendario ebraico) e dura otto giorni. 

L’avvenimento che si ricorda è la riconsacrazione del Tempio di Gerusalemme, avvenuta nel 164 a.E.V. ad opera di Giuda Maccabeo - figlio del sacerdote Mattatià e soprannominato Maccabeo, dalle iniziali delle parole della frase: "Mi Kamòkha Baelìm Adonai?" (Chi è pari a Te, o mio Signore?) - dopo la profanazione compiuta da Antioco IV Epifane, che vi aveva fatto costruire un altare dedicato a Zeus Olimpo. L’oggetto simbolo di questa festa è la Chanukkià, speciale lampada a otto bracci le cui luci vengono accese progressivamente una per sera, cosicché solo all’ottavo giorno ardono nella loro totalità.

v. nel sito, su Chanukkàh:
Un pensiero di Rav Riccardo Di Segni
Un pensiero di Rav Umberto Piperno
Un pensiero di Gavriel Levi
 


 
[Fonte: Museo Ebraico di Bologna 12 dicembre 2003]



 Parigi
 

Israele accusa la Francia. "Su Arafat falsifica la storia"
Yasser Arafat non è nato a Gerusalemme, bensì a Il Cairo. Lo ha ribadito oggi l'ambasciatore israeliano in Francia Nissim Zvili che, per conto del Governo di Ariel Sharon, ha chiesto alle autorità di Parigi di provvedere al più presto a modificare il certificato di morte del leader palestinese, deceduto lo scorso 11 novembre in un ospedale militare della capitale transalpina.
Lo Stato ebraico ha voluto sottolineare che non si tratta di una questione secondaria, secondo l'Esecutivo di Sharon, infatti, la Francia ha messo in atto una gravissima "falsificazione della storia" al solo scopo di venire incontro alle esigenze propagandistiche dei palestinesi.
Una falsificazione ancora più grave, hanno aggiunto le autorità israeliane, perché operata da un Governo occidentale.

 


  [Fonte: Centomovimenti News dicembre 2004] 



 Parigi
 
Francia, rabbino insultato in una scuola media  
Il rabbino di Mulhouse (est della Francia), Elie Hayoun, ha presentato una denuncia per ingiurie a carattere antisemita dopo essere stato violentemente insultato da ragazzi di una scuola media. Il religioso doveva partecipare a un dibattito interreligioso nella scuola di Bourtzwiller, in un quartiere difficile: all'arrivo del rabbino, noto per le sue posizioni concilianti, i ragazzi si sono scatenati nel cortile insultandolo.
 


  [Fonte: "Avvenire" del 9 dicembre 2004] 



 Praga
 

Tornano in Polonia manoscritti rubati dalla Gestapo

Il governo ceco ha restituito alla Polonia una serie di manoscritti ebraici rubati dalla Gestapo durante la seconda guerra mondiale. In una cerimonia a Praga, il presidente polacco Alexsander Kwasniewski ha ricevuto ieri una parte della cosiddetta «Collezione Saraval», sottratta al seminario ebraico di Wroclaw durante l'occupazione nazista. La collezione comprende testi provenienti da Europa, Medio Oriente e Africa del Nord e risalenti anche al XIII secolo.
 


  [Fonte: "Avvenire" del 9 dicembre 2004] 



 Genova
 

Esposizione a Genova: Al di là del versetto

Si è aperta il 28 novembre, e sarà possibile visitarla sino al 31 gennaio 2005 dal lunedì al giovedì dalle ore 15.00 alle ore 19.00 e con orario continuato la domenica, presso il Museo Ebraico di Genova l’esposizione Al di là del versetto.

L’iniziativa, curata dall’architetto Gianfranco Franchini, è articolata in tre sezioni: il testo, il luogo, il segno.
Il testo:
si tratta di una raccolta di antiche Bibbie ebraiche conservate nella Biblioteca Berio, nella Biblioteca Universitaria di Genova e in quella della Comunità ebraica genovese.
Il luogo:
una raccolta di immagini fotografiche di Alberto Jona Falco tratte dal libro Viaggio nell’Italia Ebraica di Annie Sacerdoti, che raffigurano i più bei luoghi di culto ebraici d’Italia.
Il segno:
è la nota raccolta di Lele Luzzati Viaggio nel Mondo Ebraico che torna in Italia dopo essere stata esposta per tre mesi negli Stati Uniti.

>per saperne di più

 


  [Fonte: puntoj.it] 



 Camaldoli
 

dal 05.12.2004 al 08.12.2004
sede dell'iniziativa 

foresteria del monastero

XXV Colloquio ebraico cristiano 
"E tutti saliranno al Monte del Signore" (Is 2,2)


relatori

Spizzichino L., Gargano G., Limentani G., Di Grazia O., Witold Misiuda R., Luzzatto A., Beutler J., Sestieri L., Rotili S., Paggi Sadun M.
>>scarica il programma
________________

L’attenzione alla tradizione viva di Israele è parte integrante dell’ecumenismo camaldolese.
La fede di Israele è concepita come fede portante indispensabile dello stesso edificio della chiesa: “Gesù è ebreo e lo è per sempre” e la chiesa è ramo innestato sul tronco originato dalla radice santa dei patriarchi di Israele. La sensibilità verso l’Israele vivo, si è acuita a Camaldoli negli anni post-conciliari sfociando nella organizzazione annuale dei Colloqui ebraico cristiani a partire dal 1980. La celebrazione dei Colloqui avviene all’inizio del tempo liturgico dell’Avvento perché in quel periodo si condivide meglio l’atteggiamento ‘spirituale’ dell’attesa del giorno del Signore che caratterizza simultaneamente la fede di Israele e della Chiesa.
 


  [Fonte: Monastero di Camaldoli] 

5614 - visitatori



2005
gen febb mar
apr mag giug
lug ago sett
ott nov dic




2003
gen febb mar
apr mag giug
lug ago sett
ott nov dic

 
 

| home | | inizio pagina |