Venezia

«Con gli ebrei il dialogo andrà oltre i gesti»
«Il legame che unisce Papa Benedetto XVI al mondo ebraico è fortissimo e intenso, come si può ricavare fin dai suoi primi discorsi da Pontefice. È un legame che Joseph Ratzinger ha sempre coltivato, paragonandolo a quello che si ha verso la propria madre. Dell’ebraismo, infatti, Ratzinger ha sempre sottolineato il rapporto con l’origine della Chiesa. Questo fa del dialogo con l’ebraismo qualcosa di speciale, di completamente diverso dal dialogo con le altre religioni»....continua

 


  [Fonte: Avvenire 30 aprile 2005] 



 Londra

Gli accademici inglesi e ilnuovo antisemitismo Amos Luzzatto e David Meghnagi Comitato accademico per la lotta all'antisemitismo (Ucei)
Denunciamo il grave episodio di boicottaggio delle istituzioni accademiche israeliane da parte della Britain's Association of University Teachers, ultimo di una serie di episodi di intolleranza che si sono verificati in diverse università europee, fra cui l'Italia. Le origini politiche e sociali dell'antisemitismo classico sono state largamente studiate. Diversa è la situazione di fronte a un nuovo antisemitismo, che si alimenta della tragedia mediorientale e israelo-palestinese....continua

Per le adesioni contattare comitatoaccademico@virgilio.it 

 


  [Fonte: La Repubblica 29 aprile 2005] 



 Israele/Palestina

Un progetto semplice ma coraggioso: riunire in un pastificio israeliani e palestinesi
Quando la mia amica palestinese Samar ha lanciato l'idea di una "Giornata del pane per la pace" nel suo panificio a Betania ho sentito che non potevo sottrarmi a questa chiamata! Il pane! Simbolo di vita, di speranza, di prosperità, di accoglienza, è desiderio e necessità prima degli uomini di qualsiasi cultura. Appena tornata a casa, in Israele, ho iniziato a cercare freneticamente di coinvolgere più gente possibile e ho cominciato a raccontare il sogno. I primi occhi che si sono accesi sono stati quelle delle madri. Di madri di figli soldati, di figli scolari, di nonne, di coloro che non dormono la notte e si chiedono cosa si possa fare per cambiare qualcosa....continua

>(v. anche Una storia nuova da costruire insieme)

 


  [Fonte: shalom.it 27 aprile 2005] 



 Roma

Gli ebrei pregano col Papa anche se non presenti in Piazza S.Pietro per i riti della Pasqua.
Dopo gli auguri espressi per l'ascesa al soglio Pontificio, confidando nella prosecuzione di un dialogo proficuo nel rispetto delle diversità, il Rabbino Capo di Roma ha assicurato la preghiera degli ebrei per Benedetto XVI nel giorno dell’inaugurazione del suo Pontificato con queste parole: “Vicini nello spirito anche se non fisicamente presenti, per una coincidenza significativa: il momento del suo insediamento corrisponde al primo giorno della nostra Pasqua che ci coinvolge intensamente con i suoi riti”. Per questo motivo la comunità ebraica non ha potuto essere presente in Piazza San Pietro; ma il dialogo continua.

 


  [Fonte: LnR 24 aprile 2005] 



 Città del Vaticano

Il Papa alla Comunità ebraica di Roma «Avanti col dialogo!»
Benedetto XVI ha inviato un messaggio a Di Segni, rabbino capo di Roma. Nel telegramma ricevuto dal Santo Padre si auspicava «la prosecuzione di un dialogo proficuo nel rispetto delle diversità»
«Confido nell'aiuto dell'Altissimo per continuare il dialogo e rafforzare la collaborazione con i figli e le figlie del popolo ebraico»: lo ha scritto papa Benedetto XVI in un messaggio inviato al rabbino capo di Roma, Riccardo Di Segni. Era stato lo stesso Di Segni a inviare un telegramma al Pontefice e in giornata ha reso nota la replica del Santo Padre

Nel telegramma inviato mercoledì a papa Benedetto XVI, il rabbino capo di Roma aveva «espresso gli auguri per l'ascesa al soglio pontificio, confidando nella prosecuzione di un dialogo proficuo nel rispetto delle diversità, come garantisce la promessa divina di Abramo».  Testo integrale del messaggio del Papa

>Dichiarazioni di Toaff e Luzzatto
 


  [Fonte: LnR 20 aprile 2005] 



 Città del Vaticano

Martedì 19 Aprile 2005 - Habemus Papam
Nel segno della continuità i cardinali hanno eletto Joseph Ratzinger come successore di Giovanni Paolo II. Il cardinal Ratzinger ha preso il nome di Benedetto XVI.
Ecco le prime parole di Benedetto XVI: "Cari fratelli e sorelle, dopo il grande Papa Giovanni Paolo II i signori Cardinali hanno eletto un semplice umile lavoratore nella vigna del Signore. Mi consola il fatto che il Signore sa lavorare e agire anche con

strumenti insufficienti e soprattutto mi affido alle vostre preghiere. Nella gioia del Signore risorto, fiduciosi nel suo aiuto permanente, andiamo avanti, il Signore ci aiuterà e Maria sua santissima Madre sta dalla nostra parte. Grazie".
________________
Un ricordo affettuoso di Giovanni Paolo II, la coscienza di un enorme peso sulle proprie spalle, la responsabilità di annunciare Cristo a tutti i popoli, nella verità ma anche nel dialogo. Sono questi i punti sottolineati dal nuovo papa Benedetto XVI nel suo primo messaggio al termine della prima messa celebrata stamattina. Ecco il testo integrale

>Unità per i Cattolici e base per il dialogo con Israele e Islam
>Rav David Rosen da Gerusalemme
 


  [Fonte: LnR 20 aprile 2005] 



 Gerusalemme

Dialogo interreligioso. Il «Premio Israele» assegnato al rabbino Lau.
Il "Premio Israele", assegnato a personalità di spicco della vita nazionale, è stato assegnato a Yisrael Meir Lau, fino a due anni fa gran rabbino ashkenazita. Un riconoscimento che esalta la sua opera per il dialogo interreligioso. È noto il suo speciale legame di amicizia con Giovanni Paolo II così come l'impegno profuso per rafforzare le relazioni tra Chiesa cattolica ed ebraismo. Impegno che abbraccia l'ultimo decennio (avviato il 17 dicembre 1995 ricevendo monsignor Jean-Louis Tauran e incontrando due volte nel 1998 il patriarca latino Michel Sabbah) e che ebbe particolare risalto durante la visita del Papa a Gerusalemme per il Giubileo. Il 23 marzo 2000 lo ricevette nella sede del Gran Rabbinato e nel discorso di benvenuto espresse gratitudine verso la sua persona e il suo pontificato; nel pomeriggio fu protagonista, con lui e con lo sceicco Taysir al Tamimi, dell'incontro interreligioso nell'auditorium del "Notre Dame of Jerusalem Center". «Cari amici - disse il gran rabbino - ognuno fa il suo cammino per servire l'Onnipotente ma un cammino è comune a tutta l'umanità, a tutti i credenti di tutte le religioni, e specialmente alla fraternità delle religioni monoteiste: pace, amicizia, comprensione, ascolto reciproco, anche se non si è d'accordo su tutto, malgrado tutti gli ostacoli e tutte le differenze».

 


  [Fonte: Avvenire del 15 aprile 2005] 



 Roma

Partiti oggi i 200 partecipanti al pellegrinaggio degli sportivi in Terra Santa. Il 14 aprile correranno una maratona di pace da Betlemme a Gerusalemme
Sono partiti questo lunedì gli oltre 200 partecipanti al pellegrinaggio degli sportivi in Terra Santa, promosso e organizzato dal Centro Sportivo Italiano (C.S.I.) e dall’Opera Romana Pellegrinaggi, in collaborazione con il Comitato Olimpico Nazionale Italiano (C.O.N.I.) e con la Conferenza Episcopale Italiana (CEI). "Il momento più significativo del pellegrinaggio, sarà la maratona, dedicata a Giovanni Paolo II, che si svolgerà giovedì 14 aprile da Betlemme a Gerusalemme", informa un comunicato dell'Opera Romana Pellegrinaggi....continua

 


  [Fonte: Zenit.org dell'11 aprile 2005] 



 Gerusalemme

Israele: la pace sulle vie dell'etere
Una stazione radio pacifista israelo-palestinese ha cominciato oggi le sue emissioni da uno studio situato a Gerusalemme est. Un portavoce dell' emittente, denominata 'radio senza frontiera', ha detto che questa è stata creata dal Centro arabo-ebraico per la pace di Givat Aviva, dall'organizzazione pacifista palestinese Biladi. La stazione, che trasmette su una frequenza di 107,2 FM, diffonde programmi in inglese, arabo ed ebraico volti a promuovere i valori della pace, della solidarietà, del rispetto reciproco, della riconciliazione e della coesistenza. La stazione era stata costituita un anno e mezzo fa ma per motivi tecnici aveva potuto diffondere i suoi programmi solo via internet.

 


  [Fonte: ANSA dell'11 aprile 2005] 



 Città del Vaticano

L'ultimo saluto al Papa del dialogo. Il rabbino di Roma presente nel testamento del Pontefice
Anche il rabbino onorario di Roma Elio Toaff, si è recato tra le migliaia di persone a rendere omaggio alla salma del pontefice defunto. Giunto alla Sala Clementina, davanti al corpo del pontefice di cui è stato grande amico anche per averlo ospitato per la prima e storica visita nella sinagoga di Roma nel 1986, Toaff ha steso le braccia verso Giovanni Paolo II formulando una preghiera. Toaff, a differenza delle tante altre persone, si è fermato alcuni minuti in preghiera.


Roma 1986

«Mi ha fatto un grande piacere. Non me l’aspettavo assolutamente. Questo vuol dire che l’affetto che provavo per lui era ricambiato». Così il rabbino emerito di Roma Elio Toaff commenta la notizia di essere presente nel testamento di Papa Wojtyla. «È stato un grande Papa - ha ribadito Toaff -. La sua politica era quella di ricercare di abbattere gli ostacoli tra le varie religioni». «Sarà difficile sostituirlo - ha aggiunto - ma spero di sbagliarmi».

«L’aver nominato il rabbino Toaff nel suo testamento spirituale non è solo il riconoscimento da parte di Giovanni Paolo II del rapporto di reciproca cordialità che il Papa ha avuto con Elio Toaff già prima della storica visita di Karol Wojtyla alla Sinagoga di Roma. Quel riferimento segnala anche uno degli aspetti più significativi del lungo pontificato di Giovanni Paolo II: l’importanza data allo sviluppo del dialogo interreligioso, in particolare con i “fratelli maggiori” ebrei. In questo senso, quel riferimento esplicito al rabbino capo della più antica comunità ebraica del mondo occidentale non può essere inteso anche come un lascito di Karol Wojtyla al suo successore perché prosegua nel cammino del dialogo»....continua

>Rav Toaff: i suoi sentimenti attuali e riflessioni sull'evento del 1986
>La Comunità ebraica su "La nuova Venezia" 2 aprile
 


  [Fonte: ANSA 7 aprile 2005] 



 Città del Vaticano

Venerdì 2 Aprile 2005 – Ore 21,37
Il nostro S. Padre è andato avanti... Benedetto il Signore che ci ha fatto un dono così grande.

Durante la sua serena agonia non sono mancati i segni dell'affetto del popolo ebraico a Giovanni Paolo II. I telegiornali hanno trasmesso alcune testimonianze commosse raccolte nel ghetto di Roma. 

È stata commovente la visita in piazza San Pietro di una delegazione della comunità ebraica di Roma, guidata dal rabbino capo Riccardo Di Segni. 
Questi gesti significativi nel commento di Giuseppe Laras, rabbino capo di Milano: «I sentimenti di vicinanza a Papa Wojtyla sono antichi - ha affermato il rabbino Laras -. Il suo Pontificato fin dall'inizio ha dato una svolta nei rapporti con l'ebraismo. Il dialogo è stato influenzato in maniera forte e sostanziale dalla sua presenza, con alcuni gesti simbolici molto importanti»....Continua

>Un pensiero del ministro degli Esteri Shalom
>Un pensiero dell'ambasciatore Oded Ben Hur

 


  [Fonte: Avvenire del 2 aprile 2005] 



 Tel Aviv

Israele: storica decisione sulle conversioni
Giornata storica per Israele secondo i giornali locali. La Corte Suprema di Gerusalemme si è finalmente pronunciata sulla questione che da sempre travaglia lo Stato di Israele: «Ai fini della Legge del Ritorno, chi è ebreo?». La sentenza spezza di fatto il monopolio della corrente ortodossa sulle conversioni all'ebraismo. D'ora in poi ai fini della acquisizione della cittadinanza israeliana saranno riconosciute anche le conversioni praticate in Israele dalle correnti riformate e conservatrici, a condizione che la fase finale avvenga all'estero. Chi segua questa procedura potrà beneficiare della Legge del ritorno e sarà considerato cittadino israeliano a tutti gli effetti. Ai fini pratici, l'impatto sarà modesto. In virtù di questa sentenza otterranno adesso la cittadinanza israeliana una quindicina di persone. Ma sul piano simbolico, la decisione dei giudici di Gerusalemme rappresenta un vero terremoto per il rabbinato.

 


  [Fonte: Avvenire del 1 aprile 2005] 



 Lentate sul Seveso

Venerdì 1 Aprile 2005 – Ore 21.00
“La Spiritualità ebraica”
Relatore: Prof. PAOLO DE BENEDETTI, docente di Giudaismo e di Antico Testamento.

Il Professor Paolo De Benedetti e l'Ebraismo
Il principio fondamentale dell’ ebraismo è la credenza in un solo Dio che, dopo la creazione del mondo, si è mostrato agli uomini attraverso una Rivelazione, tramandata grazie ai Libri Sacri. Un altro concetto, legato al precedente, è quello dell’Alleanza fra Dio e il popolo ebraico. E’ proprio attraverso questa Alleanza, che inizialmente legò Dio ad Abramo, che il popolo ebraico si impegnò a riconoscere Dio, il suo Progetto e le sue Leggi.
Ecco perché gli Ebrei si riconobbero come il “Popolo Eletto”: essi si sentirono prescelti da Dio per testimoniare la presenza di Dio sulla terra....continua

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

Per ulteriori informazioni
Comune di Lentate sul Seveso
Ufficio Cultura
Tel: 0362.515233
Fax: 0362.557420
e-mail: cultura@comune.lentatesulseveso.mi.it 

 


  [Fonte: Comune di Lentate aprile 2005] 



 Milano

Centro Culturale Protestante di Milano
via Francesco Sforza 12/a 20122 Milano telefono/fax 0276021518

mercoledì 6 aprile 2005 alle ore 18.00

presentazione del volume di:
Elena Lea Bartolini

Per amore di Tzion,
Gerusalemme nella tradizione ebraica
Effatà Edizioni

Con l'autrice saranno presenti:
rav Giuseppe Laras
rabbino capo della Comunità Ebraica di Milano
Paolo De Benedetti
docente di Giudaismo

Sala attigua alla Libreria Claudiana di via Francesco Sforza 12/a 20122 Milano
info@protestantiamilano.it
 

 


  [Fonte: protestantiamilano.it aprile 2005] 



 Firenze

SALA DEGLI SPECCHI – PALAZZO VIVARELLI COLONNA
SEDE DELL’ASSESSORATO ALLA CULTURA 
VIA GHIBELLINA 30, FIRENZE

A.S.Fe.R. e Istituto Gramsci Toscano
organizzano un ciclo di cinque incontri sul tema

«Identità religiose e conflitti politici»

1. Appartenenze religiose e opzioni politico-elettorali al di qua e al di là dell’Atlantico
2. Religiosità moderna e dinamiche della secolarizzazione
3. Stato di Israele e ebraismo
4. Islam e sfera pubblica
5. Identità religiose e identità europea

Mercoledì 6 aprile 2005, ore 16,30-19,00
3. Stato di Israele e ebraismo
Maria Grazia ENARDU e Joseph LEVI
Moderatore: Ugo CAFFAZ

Mercoledì 20 aprile 2005, ore 16,30-19,00
4. Islam e sfera pubblica
Enzo PACE e Khaled Fouad ALLAM
Moderatore: Franco CARDINI

Mercoledì 27 aprile 2005, ore 16,30-19,00
5. Identità religiose e identità europea
Francesco MARGIOTTA BROGLIO e Giuseppe DALLA TORRE
Moderatore: Arnaldo NESTI

 


  [Fonte: LnR] 



 Roma
C.I.B.E.S. (Centro Internazionale Bibbia e Storia)
Celebrazione S. Messa in ebraico 16 aprile 2005

 

seder.gif (7740 byte)
Seder seudat 
ha Adon

L'idea di celebrare l'eucaristia in ebraico, almeno una volta al mese, è in fase di realizzazione nell'ambito del gruppo che frequenta i corsi di Ebraico biblico promossi dal C.I.B.E.S. Il gruppo partecipa alla Messa dal 16 ottobre 2004; la celebrazione di questo mese cade il giorno 16 

Viene utilizzato il testo (Seder seudat ha Adon - Ordo Missae hebraice, che è stato pienamente vocalizzato), nato dall'iniziativa di alcuni studenti dello Studium Bibilicum Franciscanum di Gerusalemme. È una rielaborazione del rito della messa secondo il testo attualmente in uso presso la comunità cristiana di lingua ebraica. 


P. Pizzaballa 

L'edizione è stata curata da p. Pierbattista Pizzaballa (SBF), attuale Custode di Terra Santa, p. Massimo Pazzini (SBF) e p. Juan Esquivias (PIB). Chi scrive ha avuto la gioia di utilizzarlo anche il mese scorso partecipando all'Eucaristia con la Comunità cristiana di lingua ebraica a Gerusalemme, in Rahov HaRav Kook, in un'atmosfera calda e avvolgente, che rendeva tangibile una Presenza....
La celebrazione romana, cadenzata per ora da ritmi mensili (ogni sabato che precede la terza domenica del mese), è presieduta dal docente dei Corsi, Prof. Giovanni Odasso ed ha luogo presso la cappella dell'Istituto delle Ancelle del Sacro Cuore, Via XX Settembre, 65/bis - Roma. (Per ulteriori informazioni: Angela Pak - tel. 068170961)

Per sapere di più sul CIBES
 


  [Fonte: LnR] 

4562 - visitatori






2003
gen febb mar
apr mag giug
lug ago sett
ott nov dic

 
 

| home | | inizio pagina |