Gerusalemme/Milano/Roma

Festa del YOM HA ATZMAUT 5767 - 59º anniversario dello Stato d'Israele

 

MILANO 29 aprile 2007
L'intera giornata con festeggiamenti per l'anniversario della nascita dello Stato di Israele a cura dell'Associazione Amici D'Israele si svolgerà presso i giardini della Guastalla a Milano (via Guastalla) di fronte alla sinagoga dalle ore 11 alle ore 17 circa. Verranno allestiti stand con articoli ebraici e israeliani, e verranno proposte attività ricreative per bambini e ragazzi. Nel corso della giornata ci sarà musica ebraica dal vivo. Sarà inoltre presente Evangelici d'Italia per Israele (EDIPI) con uno stand. Quest'anno ci sarà il patrocinio della comunità Ebraica di Milano (con il corpo della sicurezza della comunità) e il patrocinio della federazione delle associazioni amicizia Italia-Israele. ...continua

info: ronit@amicidisraele.org

 


  [Fonte: amicidiIsraele 24 aprile 2007] 



 Gerusalemme

Attrito diplomatico superato tra Israele e Vaticano

 

C’è molta soddisfazione e sollievo in Israele per la decisione del Nunzio apostolico, mons. Antonio Franco, di presenziare alla cerimonia inaugurale della Giornata della Memoria della Shoah, tenutasi ieri (domenica 15) sera, negli ambienti del Monumento Nazionale di "Yad Va-Shem". Il Rappresentante Pontificio è receduto così dalla scelta precedente di non essere presente, per protesta contro l'esposizione nell'attiguo Museo della Shoah di una fotografia del Servo di Dio, papa Pio XII, accanto a quelle dei dittatori fascisti, con una scritta accusatoria, che gli attribuisce pesanti responsabilità per non essersi attivato - sempre secondo la stessa "didascalia" - a condannare con più energia e più esplicitamente la tirannia nazista, e per salvare gli ebrei dallo sterminio....continua

>Ulteriori notizie

 


  [Fonte: AsiaNews 16 aprile 2007] 



 Parigi

Ebrei e cattolici, d'accordo contro l'eutanasia

 

Monsignor André Vingt-Trois, Arcivescovo di Parigi, e David Messas, gran rabbino della capitale francese, hanno ritenuto utile rendere pubblica una dichiarazione congiunta sui malati terminali con cui desiderano contribuire alla promozione di una vera e degna assistenza alle persone al termine della loro vita. L’Arcivescovo e il gran rabbino di Parigi hannon ribadito la loro opposizione a “ogni forma di eutanasia”, intesa come “ogni comportamento, azione o omissione, il cui obiettivo è dare la morte a una persona per porre così termine alle sue sofferenze”....continua

>Vedi: Dichiarazione congiunta Vaticano Gran Rabbinato d'Israele, marzo 2006

 


  [Fonte: Zenit 5 aprile 2007] 



 Gerusalemme

Misure per l Pasqua ebraica. Transito permesso ai cristiani per le festività pasquali.

 

In Medio Oriente, l’esercito israeliano ha circondato i Territori palestinesi in Cisgiordania e a Gaza. L’operazione proseguirà per l’intera durata del periodo della Pasqua ebraica, che si concluderà il 9 aprile. In un comunicato si precisa che sarà comunque consentito il passaggio a fedeli cristiani e uomini di Chiesa in occasione della Pasqua cristiana. La Comunità internazionale continua, intanto, a cercare soluzioni per rendere praticabile la via della pace. Ma la Pasqua imminente può essere occasione feconda per tutte le realtà presenti e per rinvigorire il dialogo? Stefano Leszczynski ne ha parlato col padre francescano Pierbattista Pizzaballa, Custode di Terra Santa. ...continua

 


  [Fonte: Radio Vaticana 1 aprile 2007] 



 La Pasqua ebraica

Bediquat Chametz - Digiuno dei primogeniti - Pesach 1° giorno - Yom ha-Shoah

13 di Nisan 

14 di Nisan 

15 di Nisan 

27 di Nisan 

1 aprile, 13°g. del mese di Nisan - Bediquat Chametz. In preparazione della festa di Pesach, durante la quale è assolutamente proibita anche la sola presenza in casa di cibo lievitato (chametz), alla sera di questo giorno, dopo il tramonto del sole, si conduce una ricerca accurata per rimuovere ogni traccia di lievito dalla propria abitazione.
2 aprile, 14° g. del mese di Nisan - Digiuno dei primogeniti. Alla vigilia della liberazione dall'Egitto, i primogeniti dei figli di Israele furono risparmiati dalla decima piaga, con la quale invece perirono i figli primogeniti del popolo egiziano. Per questo motivo, tutti i figli primogeniti di Israele o i loro padri, se i figli hanno meno di 13 anni, digiunano il giorno prima di Pesach in segno di gratitudine verso l'onnipotente.
3 aprile, 15° g. del mese di Nisan 5767 È il primo giorno di Pesach (Pasqua), festa che ricorda la liberazione degli ebrei dalla schiavitù d'Egitto. La festa inizia la sera precedente, dopo il tramonto, quando viene celebrato il Seder (lett.ordine), la suggestiva cena nel corso della quale vengono rievocate secondo un ordine prestabilito le fasi dell'Esodo, leggendo l'antico testo dell'Haggadah. Si consumano vino, azzime ed erba amara in ricordo delle gioie e dei dolori degli ebrei liberati dalla schiavitù. Per tutti i giorni della festa è vietato consumare cibi chametz, cioè lievitati, a ricordo della fretta con cui gli ebrei lasciarono l'Egitto. Per questo la festa è detta anche Chag ha-matzòth, feste delle azzime. La festa dura otto giorni e segna l'inizio della primavera.


vedi anche, nel sito, sulla Pasqua:
.La pasqua ebraica 
.La Pasqua dell'ebreo Gesù
.La Pasqua cristiana: i primi secoli
.Banchetto Paquale ebraico e Ultima Cena

 


  [Fonte: LnR aprile 2007] 


3780 - visitatori










2003
gen febb mar
apr mag giug
lug ago sett
ott nov dic

 
 

| home | | inizio pagina |